IL PELLEGRINAGGIO NEL TERZO MILLENNIO
CAMMINO DI SANTIAGO DI COMPOSTELA: SENTIERO FRANCESE

Sentieri perfettamente ben segnalati per 800 km, a partire dai piedi dei Pirenei nel versante francese, e dopo avere attraversato la Spagna si giunge di fronte alla maestosa cattedrale di Santiago. Il cammino di pellegrinaggio è il più calpestato da sempre.
Un "viaggio" in 30-35 tappe suddiviso secondo la portata fisica di ciascun pellegrino, con la certezza di trovare una branda e una doccia calda ogni sera alla fine di una faticosa tappa, poi una trattoria per un pasto caldo o diversamente una cucina per autoprepararsi, una morigerata cenetta.
Il cammino di Santiago esiste da un millennio circa, il tracciato attuale non è più quello storico poiché è stato traslato su nuovi sentieri per evitare le antiche strade oramai troppo trafficate, tuttavia si toccano gli stessi centri storici mete degli antichi pellegrini medioevali.
La storia del Cammino di Santiago risale al IX secolo, intorno all'anno 813, quando un eremita di nome Pelayo ha una visione in una notte della luce di una stella che puntava al Monte Obradón, seguita da altri eventi soprannaturali. I fatti raggiunsero le orecchie del vescovo di Iria Flavia, Teodomiro ed ottennero l’attenzione dopo la scoperta di una necropoli dove furono trovati i resti del Apostolo Santiago.
Gli avvenimenti sono trasmessi, a sua volta, all’ asturiano re Alfonso II il casto, che diventa il primo pellegrino conquistatore della capitale del Regno delle Asturie, Oviéu. Sui resti sacri del sacro sepolcro fu costruita una piccola chiesa con pezzi di pietra e fango che più tardi sarebbe stato demolita da Alfonso III per costruirne una più grande e più solenne. Cosicchè si dà inizio al culto dell'Apostolo, diffondosi rapidamente in tutto il regno Asturiano e determinando l'arrivo dei primi pellegrini provenienti dai confini del Regni vicini. Il primitivo percorso da Oviedo a Santiago, più tardi diventa il Camino de la Costa. Il re Asturiano era consapevole dell 'importanza di avere un ideale da seguire per il consolidamento del Regno e sapientemente usò la spiritualità come un fattore unificante nel campo anti-islamico riuscendo nell’intento di creare una coscienza collettiva che raffigura l'apostolo Santiago,nel corso del tempo, come il forte guerriero cristiano immolato nella guerra santa contro il fanatismo islamico.
Intorno all'anno 844 nella pianura di Clavijo (un piccolo villaggio di Rioja), il re delle Asturie Ramiro I si trova, in netto svantaggio, di fronte alle truppe musulmane di Abd ar-Rahman II. L’apparizione di Santiago armato, su un cavallo bianco, strasvolge l'esito della battaglia contro i Mori. Il mito è così nato. Da allora tutte le vittorie cristiane vengono attribuite alla protezione del Apostolo. La vendetta dei Mori arriva nell’ anno 997, quando le truppe lanciano un attacco ad Almanzor, ad ovest della penisola, riuscendo a saccheggiare la stessa Santiago, nel rispetto però, del Santo Sepolcro.
Nel decimo secolo il pellegrinaggio a Compostela era già un dato di fatto. Le strade erano piene di persone provenienti da tutte le classi sociali e da innumerevoli nazioni. Man mano che la riconquista cristiana guadagna terreno contro l'Islam, l'immagine di Santiago guadagna stima come difensore della cristianità. Inoltre, mentre i confini con il mondo arabo si spostano verso il sud, i percorsi seguiti dai pellegrini prendono strade nuove. Il re di Navarra Sancho III, il più grande del Sec. XI, apre un nuovo percorso, sfruttando l'antica strada romana che da Bordeaux porta ad Astorga, negli altopiani spagnoli della Navarra, disegnando, così, il percorso per Santiago più fortunato e più celebre, il Cammino francese, che ha introdotto pellegrini provenienti da tutta Europa e con loro uno sviluppo urbano, culturale, economico e demografico mai vissuto fino a quel momento.
Naturalmente la chiesa costruita da Alfonso III era piccola e non poteva ospitare un così elevato numero di pellegrini, cominciò pertanto, nell’ undicesimo secolo, la costruzione di una cattedrale in stile romanico, che circondava completamente il vecchio edificio, che non fu demolita. La grande cattedrale si dimostrò all’altezza del compito ed il fervore generato nelle popolazioni di pellegrini, spinse Papa Callisto II nel 1122 ad istituire l'Anno Santo di Santiago di Compostela.
I pellegrinaggi sono ancora in corso e si diffondono in tutte le strade d’ Europa. E’ calcolato che e durante il dodicesimo e tredicesimo secolo, il pellegrinaggio a Santiago trova il suo picco. E’ nel 1139 che viene scritto il "Codex Calixtinus", che comprendente, tra le sue pagine, la prima guida al pellegrinaggio a Santiago di Compostela.
Altre strade per Santiago di Compostela sono state aperte successivamente, sulle tracce delle vie romaniche. I Cammini di Santiago che entrano in Galizia complessivamente sono 8: il Cammino Francese (il più conosciuto), il Cammino Primitivo, il Cammino del Nord, il Cammino Inglese, il Cammino di Fisterra-Muxía (cammino di prolungamento), la Rotta Marittima di Arousa, il Cammino Portoghese e la Via della Plata-Cammino del sud est. I primi tre e l'ultimo attraversano, ormai le porte di Santiago e il cuore della Galizia, le valli dell’ Ulla e del Tambre.

Approfittando del boom dei pellegrinaggi, il re cristiano, consapevole del ruolo svolto dalle strade, costruì molti monasteri ed infrastrutture per agevolare la transizione dei pellegrini; costruì ponti, aprì sentieri nei boschi, costruì ospedali per il loro riposo e guarigione e diede impulso allo sviluppo di attività commerciali ed artigianali, sicura base per la nascita di nuovi insediamenti e nuove città.
El Camino de Santiago diventa così un legame tra i popoli del vecchio continente, il continuo transito dei pellegrini, artigiani, commercianti determina uno scambio culturale, d'arte e di idee che muove tutta l’Europa, arricchendo ciascuno dei suoi partecipanti.
Nel corso del quindicesimo secolo, la Via inizia il suo declino, le guerre continue e la peste nera decima la popolazione europea. La situazione si deteriora giorno dopo giorno, cosicchè le reliquie dell'Apostolo vengono nascoste, per paura di saccheggi da parte delle truppe inglesi al comando di Drake, esacerbate nella vendetta per l'intervento della Armada spagnola sulle coste britanniche. Nel corso del XVII secolo, continuano epidemie e guerre in tutta Europa. Solo alla fine del XX secolo, grazie ad alcuni lavori nella cattedrale di Compostela, sono state recuperate le reliquie di l'Apostolo da molto tempo ritenute perse.
Per questo motivo si pensa che la parola Compostela derivi da Campus Stellae (campo della stella) o da Compos Tellum (terreno di sepoltura).
Il Cammino francese , o Cammino delle stelle, e’ il cammino di Santiago per eccellenza. Partendo da Saint Jean Pied de Port , si configura un viaggio di circa 800 chilometri verso ovest, su una strada millenaria, con la via Lattea che ci accompagna dal cielo. L’emozione non si puo’, nè si deve descrivere. E’ il pellegrino che , passo dopo passo, deve scoprirla, ricreandosi lo spirito nei paesaggi e negli anfratti cosi’ diversi che incontrera’ lungo tutto il cammino, estasiandosi al cospetto delle pietre millenarie di ponti, stradine, chiesette sperdute, monasteri e cattedrali che ci han lasciato i nostri antenati, la cui meta era, soltanto, incontrare “l’eternita” alla “fine della terra” . E sempre godrà, lungo il cammino, della gentilezza ed ospitalita’ della gente locale , della cultura , delle usanze e, non ultima, della buona cucina.
Le porte del cammino si aprono a tutti , ai sani ed agli infermi . Non solo ai cattolici , ma a tutti senza distinzione di religione, a tutti, buoni o cattivi. ULTREIA E BUON CAMMINO, PELLEGRINO !


Tappe del cammino:

1. Saint Jean Pied de Port - Roncesvalles
2. Roncesvalles - Larrasoaña
3. Larrasoaña - Pamplona/Iruña
4. Pamplona/Iruña - Puente La Reina
5. Puente La Reina - Estella
6. Estella - Arcos, Los
7. Arcos, Los - Logroño
8. Logroño - Nájera
9. Nájera - Santo Domingo de la Calzada
10. Santo Domingo de la Calzada - Belorado
11. Belorado - San Juan de Ortega
12. San Juan de Ortega - Burgos
13. Burgos - Hornillos del Camino
14. Hornillos del Camino - Castrojeriz
15. Castrojeriz - Frómista
16. Frómista - Carrión de los Condes
17. Carrión de los Condes - Lédigos
18. Lédigos - Sahagún
19. Sahagún - Burgo Ranero, El
20. Burgo Ranero, El - Mansilla de las Mulas
21. Mansilla de las Mulas - León
22. León - Villadangos del Páramo
23. Villadangos del Páramo - Astorga
24. Astorga - Rabanal del Camino
25. Rabanal del Camino - Molinaseca
26. Molinaseca - Villafranca del Bierzo
27. Villafranca del Bierzo - O Cebreiro
28. O Cebreiro - Samos
29. Samos - Portomarín
30. Portomarín - Palas de Rei
31. Palas de Rei - Arzúa
32. Arzúa - Monte do Gozo
33. Monte do Gozo - Santiago de Compostela


Santiago1.pdf

 

   
Le Querce di Assisi | Piano della Pieve - 06081 Assisi (PG) - P.IVA 03465850877 - Tel. 0039 075 802332 Mobile 0039 334 3438074 Fax 0039 075 8025000 - Email info@lequerce.it | Credits